Vai al contenuto principale
Oggetto:
Oggetto:

Letteratura inglese A

Oggetto:

English Literature

Oggetto:

Anno accademico 2014/2015

Codice dell'attività didattica
S9281 - 6 cfu
Docente
Carla Vaglio (Titolare del corso)
Corso di studi
laurea magistrale in Culture moderne e comparate
Anno
1° anno 2° anno
Periodo didattico
Secondo semestre
Tipologia
Per la tipologia dell'attività controllare il piano carriera
Crediti/Valenza
6
SSD dell'attività didattica
L-LIN/10 - letteratura inglese
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Facoltativa
Tipologia d'esame
Scritto ed orale
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

Nel corso si presenteranno gli esiti e le forme letterarie della ‘scienza del luogo’ (“dinnschencas”) dell’antica tradizione irlandese (poetica, geografica e topografica, etnografica, storica) in vari testi joyciani con riferimento alla cartografia antica ( riferita all’Irlanda così come alle ‘mappae mundi’) e alla “crisi della ragion cartografica” (Farinelli, 2009) nella modernità, in riferimento ai concetti di geometria non euclidea, di “immarginabilità” (Finnegans Wake), di tridimensionalità e quadridimensionalità, di tempo e spazio nella scrittura joyciana. I testi debbono essere letti in inglese ed è necessaria una buona conoscenza dell’inglese.

The course will deal with the literary issues linked to “ the science of eminent places” (“dinnschencas”) in the ancient Irish tradition (poetical, geographical and topographical, ethnographical, historical) with reference both to ancient cartography  (‘mappae mundi’ as well as maps of Ireland) and to “the crisis of cartographic reason” (Farinelli, 2009) in the modernity, dealing with concepts of non Euclidean geometry, of “im-marginability”  (Finnegans Wake), of time and space as well as of the third and fourth dimension in joycean writing. The texts must be read in English. A good knowledge of English is necessary.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Il metodo, squisitamente comparatistico, che mette a confronto “ragion cartografica” (Farinelli, 2009) e ‘ragione letteraria’ e i loro punti di coincidenza e di differenziazione,  conduce gli studenti ad approfondire aspetti cognitivi e tecnici di più ambiti, non limitandosi all’adozione di prospettive monotematiche o di puro e stretto specialismo ma, al contrario, favorendo l’adozione di strumenti specifici di più ambiti, collegati criticamente per verificarne le più ampie potenzialità. L’esercizio di duttilità che ne risulta è inteso a sviluppare il senso critico, a stimolare il desiderio di  sperimentazione personale e l’individuazione del proprio ambito professionale futuro che, seppure contemplato e previsto nel Corso di Laurea in Culture moderne comparate, non può configurarsi esclusivamente come insegnamento  nella scuola ma deve essere in grado di allargarsi e rispondere alle necessità della grande varietà di professioni del mondo moderno.

The essentially comparative method adopted in this course, confronting “cartographical reason” (Farinelli, 2009) and ‘literary reason’ and their elements of coincidence and differentiation, should lead the students to explore cognitive and technical aspects of more than one domain, not limiting themselves to the adoption of monothematic perspectives nor of mere and strict specialisms but, on the contrary, favouring the adoption of specific instruments in more than one domain, critically linked, moreover, in order to verify the inherent wider potentialities. The suppleness that results from the adoption of this method is intended to develop a high critical sense, to stimulate the desire for individual experimentation and the capacity of individuating one’s future professional field, a professional field that, although certainly contemplated and rendered possible within the Corso di Laurea in Culture moderne comparate and its structures, cannot be restricted merely to ‘teaching’ in schools but must  be able to meet the needs connected with the great variety of professions present in the modern world.

Oggetto:

Programma

“Ragione cartografica”, scienza e esplorazione del luogo, ‘ragione letteraria’ nella modernità e nell’opera di James Joyce (Dubliners, Giacomo Joyce, Ulysses, Finnegans Wake (passim)

“Cartographic reason”, science and exploration of place, ‘literary reason’ in the modernity and in James Joyce’s work (Dubliners, Giacomo Joyce, Ulysses, Finnegans Wake (passim).

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Carla Marengo Vaglio “James Joyce” in  Storia della civiltà inglese, a cura di Franco Marenco, UTET

Franco Farinelli, La crisi della ragion cartografica, Einaudi, 2009.

Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite durante il corso.

Carla Marengo Vaglio, “James Joyce” in Storia della civiltà inglese, Franco Marenco ed., UTET

Franco Farinelli, La crisi della ragion cartografica, Einaudi, 2009.

Other bibliographical information will be given during the course.

Oggetto:

Note

Il corso è coordinato con gli altri corsi del corso di laurea in Culture moderne comparate.

This course is coordinated with the other courses of the Corso di Laurea in Culture moderne comparate.

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 21/04/2016 10:09
Location: https://culturecomparate.campusnet.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!